Tel. & WhatsApp 3343469900 max.ulivieri@me.com

BOLOGNAFORALL.IT

Il “forAll” deve essere una occasione e una opportunità per domanda e offerta, con la ricerca e l’impiego di addetti e la formazione di professionalità specifiche nel settore.

C’è bisogno di pensare all’accessibilità non più solo come un gesto di solidarietà verso chi ha più difficoltà fisiche, ma anche come un occasione sia per la città di darsi un immagine innovativa anche sotto questo aspetto, sia per i disabili che potrebbero trovarne anche una fonte di lavoro, al pari di chiunque lavori o voglia lavorare nel turismo.

Si possono creare svariate opportunità di lavoro, nuove figure professionali legate alla disabilità, qualora questa venga interpretata a vissuta non più soltanto come una condizione che richiede assistenza e sostegno, il che resta comunque importante, ma anche come risorsa per la città e opportunità di lavoro.

La valorizzazione del turismo, e in quest’ambito anche del turismo accessibile, può rappresentare una possibilità per l’occupazione, con la formazione adeguata di adetti e con l’individuazione tra essi di figure specializzate nel settore turismo accessibile che può facilmente trovare impiego nelle aziende del settore, i tour operator, gli hotel.

Occorre quindi lavorare alla progettazione, definizione e promozione di piani di sviluppo turistico e di promozione del territorio orientati anche al turismo sociale, che abbiano come obiettivo l’ottimizazione della qualità dei servizi finalizzati e alla realizzazione di supporti strutturali dedicati a questo particolare settore del turismo.

L’accessibilità è un diritto umano e come tale deve essere garantita a tutte le persone indipendentemente dalla loro condizione fisica o sensoriale e dai loro limiti. Questo diritto è stato sancito anche nella recente Convenzione Onu sui Diritti delle Persone con Disabilità: art. 30 Partecipazione alla vita culturale e ricreativa, agli svaghi ed allo sport.

Una amministrazione lungimirante può fare del turismo, del turismo sociale, dell’accessibilità, così come dell’ecologicamente compatibile, punti di forza qualificanti per il rilancio del territorio.