Telegram & WhatsApp 3343469900 max.ulivieri@me.com

Becco e bastonato

Written by admin

On 8 Agosto 2016

BECCO E BASTONATO.

Un modo di dire spesso usato nella mia Toscana è “mi sento becco e bastonato”. Il significato è semplice: ho già un problema e mi capita una situazione che accentua, quasi sarcasticamente, il problema principale.

In questo caso il problema è il viaggiare quando si ha una disabilità che ti permette di muoverti solo su carrozzina, elettrica o manuale. Quindi il mio “becco” è la difficoltà dei mezzi di trasporto. Nel caso specifico: il treno. Annosa questione che si ripropone in svariate variabili. Vi racconto l’ultima. Devo andare a Carpi, partendo da Bologna. Mando la mail alla Sala blu di Bologna e dopo pochi minuti mi chiama una delle responsabili.

«Sig.re Ulivieri, mi spiace ma la stazione di Carpi non è abilitata all’assistenza disabili».

Bene. In poche parole non c’è assistenza e dunque non potrei scendere dal treno con il solito carrello sollevatore.

A Carpi però ci devo andare per un motivo importante ma pure se era futile ci sarei dovuto andare senza problemi. Come fare? A Modena, città più vicina, c’è l’assistenza. Il problema è da Modena a Carpi. Faccio una ricerca e scopro c’è un taxi accessibile. Uno solo. È già qualcosa. Essendoci un solo taxi lo devo prenotare. A Carpi mi porta ma ovviamente non mi costa poco: 35€ all’andata, 45€ al ritorno. Ecco, questa è la parte “bastonato”. Naturalmente c’è pure la problematica degli orari perché non tutti i treni sono accessibili e quindi devo scegliere quello adatto. Questa però ormai la sappiamo. Un disabile non decide quando viaggia, lo decidono gli altri.

In un mondo ideale ogni stazione e ogni treno dovrebbe essere accessibile. Questo non accade. Proviamo allora a pensare un mondo meno ideale ma comunque “umano” dove se si è costretti a certe peripezie e spese e ti rimborsa chi è in colpa? O non va bene manco questo?

Per adesso rimango “becco e bastonato”.

img008_jpg

You May Also Like…

Informare senza informarsi

Informare senza informarsi

  Buongiorno a Voi. Oggi affrontiamo il quesito del come mai le persone con disabilità facciano una gran fatica a ottenere i propri diritti. Lo Stato è assente? La cultura è arretrata? C’è la Chiesa? Mancano i fondi? Il menefreghismo? Probabilmente un cocktail di...

Il casting del disabile che fa tenerezza

Il casting del disabile che fa tenerezza

Ieri l'amico fedele Maurizio Nada mi invia in un messaggio privato in Facebook l'annuncio di un casting per una mini serie sulla RAI. Il motivo è che nel cast cercavano una persona disabile. Fin qui nulla di cui lamentarsi. Anzi, ce ne fossero di più di possibilità di...

Il Tunnel della Diversità

Il Tunnel della Diversità

L’accessibilità è importante. Anzi, fondamentale per chi non ha facilità di movimento per via di varie tipologie di disabilità. Nel tempo è sicuramente migliorata. Ci sono più possibilità di muoversi. I mezzi di trasporto accessibili sono più numerosi. Certo, c’è...

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.